30Apr

Hogan Interactive Nere In Pelle

Anche quest’anno tra le sezioni della manifestazione previsto un focus dedicato alla cinematografia russa, affiancato da un focus sull’Argentina, inziativa quest’ultima nata dal gemellaggio tra il TaorminaFilmFest e il Festival Internazionale di Pantalla Pinamar. Tra le novit di quest’anno, un concorso sulle nuove forme del linguaggio cinematografico online (le webserie) che promuove episodi pilota di webserie legati alle idee del festival, alla sua storia, alla sua location. Spazio ancora ai giovani grazie all’accordo con AGIS Scuola per cui vi sar una Giuria Speciale di Giovani ( la Giuria Giovani dei David di Donatello) che voter il miglior film presente al Festival e al quale sar assegnato il “Cariddino d’Oro”..

La ripresa viaggia per un quarto d sulla stessa falsariga del primo tempo: il Torino tiene in pugno le redini ma non riesce a cambiare marcia e agevola la difesa di un Chievo che si chiude anche con dieci uomini dietro la linea della palla. Al quarto d i veneti si fanno anche vedere in avanti: angolo di Radovanovic testa di Bani e palla che sorvola la traversa. Il Toro invece risponde con un bel destro da fuori area di Baselli che al 26 esce alla destra di Sorrentino, mentre Mazzarri ha gi inserito Bonifazi e Barreca per Nkoulou e De Silvestri.

Coprirsi, decorarsi, arredare uno spazio. Quando un oggetto diventa antico può però passare da uno status all’altro. Oggi consideriamo arte i vasi rinvenuti nelle tombe antiche, ma in origine servivano a contenere cibo per i defunti. Uganda is now home to more than a million South Sudanese refugees, the United Nations said Thursday, as a result of an ongoing civil war in the world’s youngest nation. High Commissioner for Refugeesstated an average of 1,800 refugees had entered Uganda each day over the past 12 months. The number of migrants increased rapidly after deadly fighting erupted in the South Sudan capital of Juba in July 2016, the Associated Press reported..

Il castello di Bracciano, fortezza e palazzo rinascimentale fondato nel Quattrocento dagli Orsini, passato a fine Seicento agli Odescalchi, apre le porte a Google. Grazie all’accordo tra gli attuali proprietari e l’Art and Culture Institute del colosso americano che sovrintende alla digitalizzazione del patrimonio universale, d’ora in poi sar possibile visitare in remoto anche il castello Odescalchi di Bracciano. Collegandosi a un computer da Kuala Lumpur o da Citta del Messico, da Lima o Sarajevo, da Pechino o da Honolulu, si potr entrare nella fortezza di Bracciano, scoprire la corte d’onore, il loggiato rinascimentale, le antiche sale trasformate in museo, i dipinti e gli arredi storici, e perlustrare a distanza i dettagli di un capolavoro del Rinascimento che ha segnato la storia italiana ed europea..

Lascia un commento