30Apr

Hulk Hogan Mr T Richard Belzer

La catena Bluespirit ha aperto un nuovo negozio in Porta Romana. Uno spazio giocato sui toni del bianco e del blu dove sfilano bijoux e gioielli per tutte le tasche, in diverse fasce di prezzo. Tante le collezioni e gli stili: si va dai bracciali rigidi in acciaio traforato (29 euro) alle collane con ciondoli in metallo dorato e resina che riprendono i colori della natura (39 euro), passando per orecchini luccicanti in oro e cristalli (319 euro), e ancora anelli, catene, charms Divertente la serie dedicata a Parigi, Londra e New York.

Come se, improvvisamente, si fosse entrati in una terra ignota di soggetti che parlano linguaggi diversi e seguono logiche irrituali. L’unico modo per gestire l’ignoto sono le solide certezze proprie di una antica sapienza costituzionale. Per avere l’incarico, occorre una maggioranza.

La vita in perenne fermento della metropoli milanese non entra nella fotografia di Costa. Piuttosto la sua opzione beckettiana: le scene sono quelle della pausa, del vuoto, della solitudine, del silenzio, del deserto. Scene dove il ritmo abitudinario della citt non appare, sospeso, neutralizzato, messo tra parentesi, situato fuori gioco.

E dalla linea dei nove metri ci sono pure sei battute. Inevitabile il successo e il doppio vantaggio. L del terzo simile a quanto visto nel finale di quello precedente. Just a few months into the school year, Lacoss ticks off projects he’s worked on so far: a monarch butterfly assignment; creating his own classroom wetland project based on observations from a real life wetland; and a unit inspired by a field trip to a waste water treatment plant. If he masters the content, this ecology class will earn Lacoss his biology credit. More importantly, the class has him engaged and reaching benchmarks..

Le immigration courts, inoltre, non rientrano nella sfera del potere giudiziario, ma in quella del potere esecutivo. Dipendono cioè dal Dipartimento di Giustizia, che fa capo al Procuratore generale, Jeff Sessions. La loro gestione, dunque, può variare a seconda dell’orientamento politico del governo federale.

Questa foto l’ho scovata nell’album dei ricordi di mio suocero Guglielmo, un arzillo novantunenne che ama ricordare le sue avventure in guerra (anzi, come dice mio marito, non parla d’altro!). Stata scattata da un suo commilitone (91 Auto Reparto Pesante, di stanza a Torino prima della partenza per la Francia e poi per la campagna di Russia) il 12 agosto 1940, nei pressi del castello di Stupinigi. All’esterno della Reggia dove Wanda Osiris stava girando con Macario il film me lo dire questo folto gruppo di soldati ha incontrato per caso l’attrice, che si prestata volentieri a uno scatto..

Lascia un commento