30Apr

Hulk Hogan Wrestlemania 7 Entrance

Dalle indagini dirette dalla Procura di Lucca, e condotte dalla Guardia di finanza di Livorno, è emerso che l’imprenditore avrebbe accumulato 500mila euro di debiti verso l’erario, per imposte mai pagate relative ad affitti incassati. Secondo le accuse, il settantenne avrebbe conferito tutto il suo patrimonio a due “trust”, che avevano sede formale a Lucca. Si tratta di un istituto giuridico anglosassone che spesso si presta ad utilizzi distorti, come riferiscono le Fiamme gialle livornesi attraverso il quale un soggetto aliena beni o diritti di sua proprietà al trust, affidandoli alla gestione di un terzo, definito “trustee”.

Alitalia ed Etihad confermano di aver trovato un accordo sui termini e sulle condizioni dell’operazione con cui la compagnia di Abu Dhabi acquisterà una partecipazione azionaria del 49% in Alitalia. Lo si legge in una nota congiunta in cui si precisa che “le due Compagnie aeree procederanno già dai prossimi giorni alla finalizzazione della documentazione contrattuale, che includerà le condizioni concordate. Il perfezionamento dell’operazione è soggetto alle approvazioni delle competenti autorità Antitrust”..

Segantini. Ritorno alla natura (17 e 18 gennaio 2017: regia di Francesco Fei) il secondo titolo consacrato al grande pittore spirituale mai esistito (parole di Kandinskij). A Filippo Timi il compito di interpretare alcune delle pi belle lettere del pittore trentino: oltrepassato l pianura della tristezza, dove alla luce del sole e al buio si mescolano tutte le passioni umane.

Ma nella nostra provincia hanno registrato una flessione dello 0,7%. Auto usate. L’incremento degli acquisti di auto usate registrato in Toscana (+6,0%) è di poco superiore a quello medio nazionale (+5,5%), ma superiore a quello della provincia di Pisa (+4,6%).

Pagina ItaliaOggi su Facebook Pagina ItaliaOggi su Twitter Pagina ItaliaOggi su Google+ Pagina ItaliaOggi su Linkedin Pagina ItaliaOggi su FlipboardObbligo di pagamento entro 30 giorni ai fornitori di prodotti alimentari deperibili e divieto di cancellazione last minute di ordini per la stessa categoria di prodotti: sono alcune delle proposte contenute nel progetto di direttiva adottato dalla Commissione Ue per eliminare le pratiche sleali che, all’interno della filiera agroalimentare, penalizzano gli agricoltori. “Con l’iniziativa odierna vogliamo dare voce a chi spesso non ce l’ha ha detto il commissario Ue all’agricoltura Phil Hogan ovvero a chi, senza avere colpe, viene penalizzato dalla sua debolezza contrattuale”. Secondo il progetto di direttiva, costoro, soprattutto piccole e medie imprese, potranno tra l’altro denunciare pratiche commerciali sleali avendo la garanzia di mantenere l’anonimato..

Lascia un commento