30Apr

Jennifer Hogan Wiki

Che l artificiale sorpasser l completamente ha spiegato: come siamo capaci di progettare virus per i computer, qualcuno progetter un artificiale capace di migliorarsi e replicarsi. In una recente conferenza sulla tecnologia a Lisbona, Hawking ha anche detto che il potenziale di apprendimento delle AI infinito e potrebbe facilmente raggiungere e superare i limiti del cervello umano. Se vero che i progressi nel campo dell artificiale possono portare benefici incredibili alla societ la linea di confine tra l che possiamo ricevere dalla tecnologia e il pericolo che questa ci sfugga di mano molto sottile.

La dimensione della creatività pura, che nasce prepotentemente anche in condizioni di alienazione mentale e di coercizione interessa particolarmente l’artista, come nel caso dell’Art Brut. “Penso che ciò che mi impressioni maggiormente sia quando idee libere o azioni o eccezionali creatività siano generate in situazioni quali regimi totalitari, condizioni personali miserabili, cliniche psichiatriche e così via”, dichiarava l’artista nel 2014. Una realtà interpretata nell’opera “Asylum” alla Biennale di Venezia del 2013,(nella foto)dove corpi reali di performer sono costretti in gabbie che ne limitano la libertà, ma non la percezione o il pensiero, mentre parti di corpi ritagliate e sospese come incubi incombenti..

Quando la sua foto fu pubblicata sui giornali, 4 anni dopo, si fecero avanti 300 famiglie a reclamarne la parentela, forse solo per il desiderio di ritrovare un parente perduto. L’uomo non si riebbe mai dal trauma subito e non recuper la memoria. Nel 1930 si scopr il suo vero nome: Octave Monjoin e non Anthelme Mangin, come era stato chiamato fino ad allora, a causa della sua distorta pronuncia.

E questo viene fatto in contrasto con tutte le convenzioni e le leggi che tutelano e promuovono il diritto del bambino all’ascolto e a esprimere il suo punto di vista nel processo per l’affido”.Grazie alla “scuola” fatta dalla Pas in questi anni tra psicologi e psichiatri, la maggioranza delle Ctu in tribunale, che sfornano diagnosi su cui i giudici basano la loro decisione di affido dei bambini, hanno quindi questa impostazione sia che nominino la Pas in via esplicita sia che non la nominino o che la chiamino in un altro modo, perché partono dal considerare la violenza contro le donne come un semplice conflitto di coppia in cui sono le donne a essere altamente conflittuali: non si distingue cioè, per impreparazione, la violenza domestica dalla semplice conflittualità in una coppia che si sta separando. Per la dottoressa Reale se la donna è resistente alla relazione di un partner violento e teme anche per il figlio, “sarà considerata genitorialmente inadeguata perché il genitore adeguato è quello che favorisce la relazione con l’altro, qualsiasi cosa sia successa prima: un passato che non è mai valutato nelle Ctu”.”Queste consulenze tecniche d’ufficio continua non sono quasi mai redatte da esperte di violenza domestica e si rifanno a teorie psicodinamiche o sistemiche relazionali che pongono la responsabilità dei fatti o in vicende individuali infantili, oppure in una relazione di coppia sempre paritaria e collusiva, anche se la violenza invece pone al suo fondamento, come afferma laConvenzione di Istanbul, una disparità di potere tra uomo e donna. Dalla mia esperienza conclude la psicologa la Pas o l’Ap viene usata per lo più contro le madri a favore dei padri perché alle donne viene tolto il diritto, nei processi sull’affido, di parlare della violenza e di quello che hanno subito loro ed i figli.

Lascia un commento