30Apr

John M Hogan Jr Attorney At Law

La maggioranza delle donne che non lavorano nel mondo, non lo fa per scelta. Questo è, secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro delle Nazioni Unite (Ilo), uno più chiari sintomi del fatto che l’accesso al mercato del lavoro da parte delle donne risente ancora di barriere elevate, culturali e non. Eppure, coinvolgerne un maggior numero nella popolazione attiva, riducendo la disparità fra uomini e donne che lavorano del 25%, garantirebbe un vantaggio in termini di Pil aggiuntivo da 5800 miliardi di dollari (circa 5182 miliardi di euro) entro il 2025: lo rivela un report dell’Ilo intitolato “World employment social outlook Trends for women 2017”..

The Educational Sciences Society (ESS) is an international scholarly open access, peer reviewed biannual journal. The journal aims at highlighting and discussing the main issues arising in the pedagogical and didactical fileds. The journal objective is also to provide the educational scientific community with the state of the art and tools to interpret the ongoing debate.The issues of Educational Sciences and Society offer their professional and academic knowledge in the fields of General Pedagogy, Philosophy of Education, Social Pedagogy, Learning and Teaching, Technology of Education, Special Education and Education Research and related disciplines.Download the editorial of the first issue with the mission of the journal (EN), (ITA), (FR).Editor in chief : Michele CorsiPlease refer to it for any information about the published issues and the call for papers.Aims and ScopusIn order to provide a timely and broad coverage of this ever evolving field,ESS offers its readers a mix of regular and special issues.

LA SCIENZA finalmente comincia a essere declinata anche al femminile. Il luogo comune secondo cui nei laboratori, impegnati tra esperimenti, formule e calcoli, ci sono soltanto uomini, comincia a tramontare. La prova arriva dai bambini: nei loro disegni fa sempre pi capolino la rappresentazione della donna in ruoli che prima non sembravano calzarle.

Era il 2015 e l’amministrazione comunale volle conferire loro la cittadinanza onoraria, un tributo doveroso che sancisce il profondo e inscindibile legame con questa terra e la nostra comunità. Sono molto felice di aver consegnato a Vittorio e Paolo, un anno fa, a Roma, le prime copie delle cartelle istituzionali in cui viene raccontato da quattro straordinari pittori sanminiatesi il loro percorso artistico. Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, aggiunge: Pisa saprà rendere omaggio a un grande italiano.

Lascia un commento