30Apr

Stivali Con Tacco Hogan

Il premio Nobel Negli anni 1974 77 Peres (da ministro della Difesa) mal sopportò la premiership di Rabin, e gli procurò non pochi fastidi autorizzando le prime colonie ebraiche ideologiche in Cisgiordania. Nel 1977 Rabin scivolò su una buccia di banana: la rivelazione di un conto in banca in dollari lasciato improvvidamente attivo dalla moglie Lea negli Stati Uniti. Le dimissioni di Rabin gli aprirono un varco insperato: ma il 17 maggio 1977, a sorpresa, il leader della destra nazionalista Menachem Begin si aggiudicò le elezioni, dopo decenni di opposizione.

Condition: Good. No Jacket. Photographs and Illustrations (illustrator). Fino alle 18:45 di quella sera di 40 anni fa, il grande pubblico italiano nulla sapeva di cartoni animati giapponesi, parole come “manga” e “anime” sarebbero diventate di uso comune solo decenni dopo. Non che in Rai fosse mancata attenzione al mondo dei fumetti e dei cartoni animati. Al contrario, negli anni Settanta la tv di Stato aveva dato spazio a programmi assolutamente benemeriti come Eroi di cartone, condotto nella prima edizione addirittura da Lucio Dalla, che ne cantava anche la sigla (Fumetto).

Il muro a Gerusalemme A Gerusalemme, intanto, la polizia israeliana ha eretto una barriera difensiva di cemento rimovibile per dividere il quartiere arabo di Jabel Mukaber da quello ebreo di Armon HaNatziv (FOTO). Lo scopo del muro, lungo poche decine di metri e che non blocca l’accesso al quartiere, secondo la polizia è quello di impedire “il lancio di bottiglie incendiarie, fuochi d’artificio sparati ad altezza uomo e lanci di sassi sulle auto”. Alla base della barriera c’è scritto: “Blocco poliziesco temporaneo immediato” e le lastre di cemento sono solo appoggiate sull’asfalto in modo, sempre secondo la polizia, da poter essere rimosse in breve tempo.

“Chi mi ha guardato fermandosi alla superficie, ai giochi di parole non ha visto che sotto c altro. Ma chi stato attento sa che sotto c anche altro, basterebbe il ruolo giusto. Non faccio questo discorso per dire che tutti i comici sono seri o malinconici, siamo come gli altri, certo non ridiamo 24 ore al giorno, saremmo pazzi”..

Matt Hasselbeck, reduce da un virus che lo ha costretto in ospedale durante i giorni scorsi, stato davvero bravissimo. Con Andrew Luck ancora in sideline per un infortunio che lo tiene fuori da due gare, ha gestito con strategia e saggezza l di Indianapolis. E ha puntato sull dell di turno, il rimpianto Johnson, che ha mandato per due volte in td..

Lascia un commento